Lost on the Ginza Line

photogr/phy

by Vicente Mateu

Seven years ago I decided to go alone to spend a few weeks with a Canon 20D and an Olympus Pen E-p. I was a young photographer, just arrived in London from Spain, and needed a little time for focusing on my main passion, photography.
I have always had a certain attraction for Japan, a culture I have felt made of contrasts. On one hand, a metropolis that never sleeps, businessmen on the streets of Kabukicho, students and emojis, a hectic lifestyle. On the other hand, the immobility of the rural landscape, silence, traditions and ceremonies.
Trains move between these two opposites. A mean of transport between different worlds, the Tokyo subway is used by everyone, to cover long distances: in fact, many of the students and workers reside outside of town and are normally need more than one hour one way to reach their university or the workplace.
Among the many lines I used, I got keen on the Ginza Line, which runs through Shibuya, Minato, Chuo, Chiyoda and Taitō. Built in 1923 by Noritsugu Hayakawa, after a trip to London. The Ginza is the most ancient Asian subway line and the one who daily carries the greatest number of people.
And they all sleep. I was almost concerned, the first time.
They are all transported by the soft, continuous rumbling of the train, and they get all frozen.
The pictures are in b/w, as I wanted to focus on rhythm and contrasts of the environment, without the noise of colours, degrades and saturation.
The Ginza Line Chronicles are a selection of a bigger collection, that you can see here.
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA_MG_3084
OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


Sette anni fa decisi di viaggiare da solo e trascorrere un paio di settimane con una Canon 20D e un’Olympus Pen E-p. Ero un giovane fotografo, appena arrivato a Londra dalla Spagna, e avevo bisogno di un po ‘di tempo per concetrarmi sulla mia passione, la fotografia.

Ho sempre avuto una certa attrazione per il Giappone, per una cultura completamente diversa da quella spagnola, fatta di contrasti. Da una parte, metropoli che non dormono mai, businessmen per le strade di Kabukicho, studenti ed emojis, una vita scandita da luci e ritmi frenetici. Dall’altra, l’immobilita’ del paesaggio rurale, silenzio, tradizioni millenarie e cerimonie del te.

Fra questi due poli opposti si trovano i treni. Mezzi di trasporto fra questi diversi mondi, la metropolitana di Tokyo viene usata da tutti, per coprire distanze elevate: molti degli studenti e dei lavoratori infatti risiedono fuori dalla citta’, e si trovano normalmente a percorrere piu’ di un’ora di tragitto alla volta per raggiungere l’universita’ o il posto di lavoro.

Tra le tante line che ho usato, la piu’ interessante e’ stata la Ginza line, che attraversa Shibuya, Minato, Chūō, Chiyoda, e Taitō . Costruita nel 1923 da Noritsugu Hayakawa, dopo un viaggio a Londra, la Ginza e’ la piu’ antica linea metropolitana asiatica, e quella che trasporta giornalmente il maggior numero di persone.

E tutti dormono. Ero quasi preoccupato, la prima volta.
Trasportati dal continuo, soffice sullare del treno, sono quasi congelati.

Le immagini sono in bianco/nero, ho voluto concentrarmi sul ritmo e i contrasti dell’ambiente, senza il rumore dei colori, dei gradienti o della saturazione.

Ginza Line Chrinicles e’ una selezione di una collezione più grande, che potete vedere qui.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...